Lake Maggiore Zipline

News

01.16.2020 La Lago Maggiore Zipline sostiene la ricostruzione della Centrale a Biomassa di Caprezzo e la Famiglia Borgotti

La Lago Maggiore Zipline sostiene la ricostruzione della Centrale a Biomassa di Caprezzo e la Famiglia Borgotti

Iniziato con il Cimento invernale, il nostro impegno proseguirà fino al 30.06.2020, con la donazione di 1€ per ogni biglietto venduto.

Domenica 12 gennaio, con la quinta edizione del Cimento invernale in volo abbiamo dato il via ad un’importante azione di solidarietà🤗, per dare aiuto concreto alla Famiglia Borgotti, perché possa al più presto ricostruire l’impianto a biomassa bruciato lo scorso dicembre a Caprezzo (VB). 

Il contributo che ogni anno destiniamo con il Cimento ad una realtà filantropica, quest’anno verrà donato alla famiglia Borgotti che ama, investe e lavora in montagna, per sostenere chi, come noi, crede nelle Terre Alte e le valorizza. ⛰

“Siamo vicini a Riccardo Borgotti che con la sua famiglia ha fatto molto per la montagna e per il territorio delle Terre Alte. Vogliamo dare il nostro contributo perché al più presto possano partire con la ricostruzione della centrale a biomassa, che era un fiore all'occhiello per il nostro territorio” - dichiara Roberto Locarni, socio ideatore della Lago Maggiore Zipline. 

Da questo sorge la volontà di aiutare chi ogni giorno decide di investire sulle montagne del nostro territorio e di lavorare qui, in montagna, per dare energia alla Valle e al territorio circostante, e per dare un contributo significativo la Zipline ha deciso che fino al 30 giugno prossimo verrà donato 1€ per ogni volo venduto. L’incendio che nello scorso mese di dicembre ha colpito la centrale a biomassa della famiglia Borgotti si è portato via un sogno, coltivato a lungo e realizzato con passione, e noi vogliamo, nel nostro piccolo, aiutare a ricostruire questo sogno. 

Se anche voi volete sostenere questa iniziativa è possibile fare una donazione, mediante bonifico a:

➡️ IBAN IT44 I 05034 22400 000000014327 ⬅️

Riccardo Borgotti ed il progetto della centrale a biomassa sono certamente motivo d’orgoglio per il territorio delle Terre Alte e non solo.